Area riservata

Area riservata. Questa sezione del sito è accessibile previo inserimento di una password. Per informazioni e per la registrazione contattare info@aeppistoia.it

Tariffe Mobile: i device o servizi inclusi incidono per il 48 %

Le tariffe mobile con un servizio o dispositivo incluso hanno un costo medio annuo di circa 478 euro e questo beneficio aggiuntivo ha un valore di mercato medio di 232 euro, che rappresenta il 48% di quanto speso annualmente per sottoscrivere l’offerta. Sono le principali evidenze dell’ultimo studio di SosTariffe.it che ha analizzato le offerte mobile che includono un servizio (streaming TV o musica) o device (mobile, WiFi o altro) gratuito.

Sarà capitato a tantissimi di sottoscrivere un’offerta mobile anche per l’eventuale servizio o device incluso nel piano tariffario scelto. Tuttavia non è sempre facile capire l’effettiva convenienza di questa tipologia di tariffe.

Per questo SosTariffe.it ha stimato il prezzo di tutte le offerte per la telefonia mobile attivabili, a gennaio 2018, con un bene o servizio incluso nel piano e il loro relativo valore di mercato, in modo da stimare la convenienza effettiva di queste promozioni.

 A&P srl – noleggio operativo beni strumentali arredamento e attrezzature per ufficio – centralini telefonici e stampanti multifunzione – noleggio a medio termine software hardware –  convenzioni con rivenditori – operiamo in tutta Italia

I risultati sono riassunti nella seguente tabella:

Come prima evidenza si può notare che, mediamente, per attivare una tariffa mobile con un servizio o device incluso, si spendono circa 478 euro l’anno.

Quanto valgono i benefici che si ottengono attivando queste offerte? Secondo i calcoli di SosTariffe.it i servizi o device inclusi con le tariffe mobile hanno un valore di mercato pari a circa 232 euro. Questo significa che, attivando queste offerte, si ottiene un servizio o un device del valore pari al 48% di quanto si sta spendendo.

Tutti i servizi o device inclusi nelle tariffe mobile

SosTariffe.it ha suddiviso la studio individuando, per ogni categoria di dispositivo o servizio incluso nelle tariffe, gli stessi parametri calcolati per l’analisi generica dell’osservatorio.

Secondo questi calcoli, i device per i quali si spende di più sono quelli video (GoPro, videocamere o supporti video). Per questa categoria il costo annuo medio dell’offerta corrispondente è di circa 647 euro. Il valore medio di mercato del benefit acquisito è di 366 euro, pari a quasi il 57% della spesa sostenuta.

Anche per le console giochi e gli smartwatch si spendono annualmente oltre 600 euro: rispettivamente 645 euro per avere un device del valore di 305 euro (47%) e 660 euro per ottenere un orologio intelligente dal valore di 332 euro (50,4%).

A incidere per circa la metà sul costo annuo delle tariffe mobile, ci sono anche i servizi di streaming TV o musica, come Netflix o Tidal, che hanno un valore medio di 54 euro e si ottengono gratuitamente con offerte mobile che costano in media 101 euro l&rsqu o;anno. Questo significa che si ottiene un servizio che vale quasi il 54% di quanto pagato.

I dispositivi utilizzabili per lo sport (del valore medio di circa 300 euro) sono inclusi in tariffe che hanno un costo annuo medio di 572 euro, mentre il mobil e WiFi e altri apparecchi per smart home si ottengono con offerte che implicano un costo annuo rispettivamente di 175 euro e 545 euro. Considerando che un mobile WiFi costa in media circa 70 euro e i dispositivi domestici (termostati o telecamere per la video sorveglianza) circa 198 euro, è come se si recuperasse il 39,7% e il 36,2% del valore speso.

Per confrontare e individuare la migliore tariffa con servizio o device inclusi, SosTariffe.it mette a disposizione il comparatore dedicato alle offerte per telefonia mobile, dove si possono trovare tutte le indicazioni anche dei benefici addizionali alle tariffe: https://www.sostariffe.it/tariffe-cellulari/

Fonte: comunicato stampa SosTariffe

 A&P srl – noleggio operativo beni strumentali arredamento e attrezzature per ufficio – centralini telefonici e stampanti multifunzione – noleggio a medio termine software hardware –  convenzioni con rivenditori – operiamo in tutta Italia               

Come ridurre l’esposizione della tua azienda? Con la locazione operativa

La locazione operativa o noleggio strumentale offre molti vantaggi alle aziende che la scelgono per la gestione dei propri beni strumentali. Uno strumento da non trascurare per ridurre  l’ esposizione bancaria e finanziaria 

Il leasing e i fidi bancari, per la loro natura prettamente finanziaria,
rientrano nelle operazioni “a rischio” per cui sono segnalati tramite la
centrale rischi (CRIF) a tutti gli operatori finanziari. Sono parte delle linee
di fido ottenibili che sono oggetto delle valutazioni previste dall’accordo
Basilea II.

 A&P srl – noleggio operativo beni strumentali arredamento e attrezzature per ufficio – centralini telefonici e stampanti multifunzione – noleggio a medio termine software hardware –  convenzioni con rivenditori – operiamo in tutta Italia

La locazione operativa è, quindi, la soluzione finanziaria alternativa in
quanto si tratta di un sistema di gestione della dotazione di strumenti e
beni che ha il vantaggio di non impattare in alcun modo sulla esposizione
finanziaria di impresa. Essendo locazione di un bene, e pagando un
“canone d’uso”, non viene considerata un finanziamento classico, ma
semplicemente l’erogazione di un servizio.

Secondo le nuove disposizioni in vigore negli istituti di credito che si rifanno a
Basilea II, le imprese sono valutate secondo molti aspetti e tra i più
importanti per l’ottenimento dei cosiddetti “indici di valutazione” vi è
l’esposizione finanziaria dell’impresa. Questa viene segnalata alle centrali
rischi, alle quali si rifanno gli istituti di credito per verificare la liquidità e la
“rischiosità” delle imprese.
Più è alta l’esposizione finanziaria, più è difficile ottenere un ulteriore
finanziamento.
Può essere necessario, o strategico, non aumentare la propria esposizione per
“liberare risorse” o avvantaggiarsi di “maggiori disponibilità” di
finanziamento dagli altri istituti di credito

Nessuna immobilizzazione di capitali: possibilità di utilizzare i capitali nello
sviluppo del proprio business, senza intaccare le proprie linee di credito.
Gestione amministrativa semplificata: l’onerosa gestione derivante dalla
proprietà dei beni (manutenzione, smaltimento, piano di ammortamento
ecc.) viene demandata ad un operatore esterno.
Deducibilità: totale ai fini IRAP.
Nessuna incidenza sullo stato patrimoniale: il bene non va iscritto tra le
attività nel prospetto di bilancio.

Password deboli contro password complesse: semplicità o sicurezza?

Gli utenti accedono quotidianamente ai propri account online per trasferire denaro dai propri conti bancari, fare shopping, consultare il meteo o prenotare un taxi. Purtroppo spesso succede di non riuscire ad effettuare l’accesso perché è stata dimenticata la password e in alcuni casi questo può creare diversi problemi. Da una ricerca di Kaspersky Lab è emerso il “dilemma” di fronte al quale si trovano gli utenti nel momento in cui devono decidere la password per proteggere i propri account online.

 A&P srl – noleggio operativo beni strumentali arredamento e attrezzature per ufficio – noleggio a medio termine software hardware –  convenzioni con rivenditori – operiamo in tutta Italia

Oggi la dipendenza dagli account online è sempre più forte e dall’indagine di Kaspersky Lab è emerso che gli utenti, quando devono scegliere le password per proteggerli, si trovano sempre più frequentemente di fronte ad un dilemma. Alcuni utilizzano password forti e diverse per ciascun account per evitare che vengano hackerati, ma rischiano di dimenticarle quando servono. Altri scelgono invece password facili da ricordare che però rendono più semplici anche i tentativi di violazione degli account da parte dei criminali informatici.

Password complesse e difficili da ricordare

Secondo la ricerca di Kaspersky Lab, sono molti gli utenti che comprendono la necessità di avere password sicure per i propri account. Infatti, quando è stato chiesto agli intervistati per quali account online utilizzassero password più efficaci, il 63% ha risposto per i conti bancari online, il 42% per le applicazioni di pagamento tra cui e-wallet mentre il 41% per gli acquisti online.

Tuttavia, non è semplice ricordare password complesse e diverse tra loro e questo rende molto più probabile la possibilità che gli utenti le dimentichino e non riescano più ad accedere ai propri account. Due utenti su cinque (38%) non riescono a ripristinare rapidamente le password dei propri account online personali dopo averle perse. Questo può suscitare frustrazione o stress perché non consente all’utente di svolgere le normali attività.

Quando si tratta di archiviare le password, la metà degli intervistati (51%) ha dichiarato di memorizzare le password in modo poco sicuro, il 23% le scrive addirittura su un blocco note per non doverle ricordare, il che mette a rischio anche la loro sicurezza.

 A&P srl – noleggio operativo personal computer, desk top, monitor, stampanti multifunzione, computer portatili –  convenzioni con rivenditori – operiamo in tutta Italia

Password deboli e facili da decifrare

Per evitare la frustrazione di dover ricordare password troppo lunghe, alcune persone stanno sviluppando abitudini poco sicure. Ad esempio, il 10% usa una sola password per tutti gli account perché è più semplice e non rischia di dimenticarla. Questo fino a quando un criminale informatico non riesce a identificare la password e a bloccare gli accessi ad ogni account in un colpo solo.

Infatti, negli ultimi 12 mesi, il 17% degli intervistati ha dovuto fronteggiare la violazione (o il tentativo di violazione) del proprio account. Gli account di posta elettronica sono quelli presi di mira più frequentemente (41%), seguiti da social media (37%), conti bancari (18%) e account per gli acquisti online (18%).

Per il “dilemma” relativo alle password esiste una terza opzione

Secondo Kaspersky Lab, gli utenti non devono necessariamente limitarsi a due sole opzioni per rispondere al “dilemma” della password. Non è necessario scendere a compromessi, come spiega Morten Lehn, General Manager Italy di Kaspersky Lab: “Se le persone potessero usufruire di password sicure e facili da ricordare, non solo sarebbero in grado di accedere a tutto ciò di cui hanno bisogno ogni volta che serve, ma potrebbero anche proteggere dai criminali informatici tutte le informazioni contenute all’interno degli account. Questo è importante per gli utenti che vogliono sentirsi sicuri senza troppe complicazioni e vivere la propria vita digitale senza rivelare le proprie informazioni a hacker o criminali.

Ma ricordare password sicure è difficile, il che significa che gli utenti si trovano quotidianamente in situazioni in cui dimenticano password complesse o creano password semplici da ricordare ma anche da hackerare. Esiste però una terza opzione che può aiutare gli utenti a risolvere questo dilemma: utilizzare una soluzione di gestione delle password che consenta di avere password complesse, senza la necessità di scriverle sui blocchi note o di ricordare complesse stringhe di parole e caratteri speciali”.

Per aiutare gli utenti a controllare la propria identità online, Kaspersky Password Manager memorizza tutte le password dell’utente in una “cassaforte” sicura. Sarà necessario ricordare solo una password principale che consente l’accesso a tutti gli account e non si dovrà più temere che l’accesso venga impedito da un motivo qualsiasi. Tramite l’account gratuito My Kaspersky, gli utenti possono accedere alle proprie password tramite diversi dispositivi, in qualsiasi momento o luogo, mantenendo gli account e le informazioni preziose al sicuro con un accesso disponibile solo all’utente. La funzione automatica del generatore di password aiuta anche a creare password sicure, eliminando il problema per gli utenti ma rendendo le cose più difficili ai criminali informatici.

Ulteriori informazioni su come i prodotti Kaspersky Lab possono aiutare gli utenti a mantenere il controllo dei propri account online, sono disponibili su https://www.kaspersky.com/home-security.

Informazioni su Kaspersky Lab
Kaspersky Lab è un’azienda di sicurezza informatica a livello globale che nel 2017 celebra i suoi primi 20 anni di attività. La profonda intelligence sulle minacce e l’expertise di Kaspersky Lab si trasformano costantemente in soluzioni di sicurezza e servizi per la protezione di aziende, infrastrutture critiche, enti governativi e utenti privati di tutto il mondo. Il portfolio completo di sicurezza dell’azienda include la miglior protezione degli endpoint e numerosi servizi e soluzioni di sicurezza specializzati per combattere le sofisticate minacce digitali in continua evoluzione. Più di 400 milioni di utenti sono protetti dalle tecnologie di Kaspersky Lab e aiutiamo 270.000 clienti aziendali a proteggere ciò che è per loro più importante. Per ulteriori informazioni: www.kaspersky.com/it

Comunicato Stampa di Kaspersky Labhttp://newsroom.kaspersky.eu/it/

Pistoia Beer Festival: alla Cattedrale area ex Breda birra e eventi dal 26 gennaio

Una tre giorni dove la birra e la musica, e altri eventi collaterali, la faranno da padroni. 26 – 27 e 28 gennaio tanti stand per una manifestazione a ingresso gratuito

Nasce su facebook un gruppo di appassionati di enogastronomia, ma anche di birra (!). Oltre 4mila membri per parlare degli eventi enogastronomici a Pistoia.

Il primo degli eventi 2018 segnalati è la prima edizione del Pistoia Beer Festival, una occasione da non perdere per gli amanti delle bionde, rosse e scure …….Tanti gli stand di birra artigianale e quelli food. Previsti eventi collaterali. Per gli aggiornamenti sul programma   eventi enogastronomici a Pistoia: Pistoia Beer Festival.

I prossimi eventi in programma a Pistoia e presentati nel gruppo sono:

Gusta Pistoia – cultura, cibo e enogastronomia – febbraio 2018

MasterFood Pistoia – i protagonisti di Masterchef a Pistoia – marzo 2018

La Toscana in Bocca a Pistoia – rassegna enogastronomica – aprile 2018

 A&P srl – noleggio operativo beni strumentali attrezzature  arredamento per la ristorazione – appassionati di enogastronomia – operiamo in tutta Italia – convenzioni con rivenditori

“L’Arcipelago del Gusto”enogastronomia di qualità delle Isole Toscane: tappa a Pistoia

Dal 25 gennaio al 16 marzo otto cuochi dell’arcipelago toscano sbarcano, grazie a Vetrina Toscana, in terraferma per proporre nei ristoranti dell’entroterra i loro sapori.  Mercoledì 28 Febbraio tappa a Pistoia

 A&P srl – noleggio operativo beni strumentali attrezzature e arredamento per la ristorazione – appassionati di enogastronomia

Parte dal mare uno dei primi viaggi che la Toscana propone nell’anno del cibo: otto ristoranti dell’Arcipelago in trasferta ospitati da colleghi della terraferma per raccontare attraverso i prodotti e i piatti la storia di un territorio.

Dopo il successo della I edizione de “L’Elba in Vetrina” il progetto si amplia coinvolgendo cuochi, ristoranti e prodotti di altre isole dell’Arcipelago Toscano e si diffonde in otto province della Toscana.

Capraia, Elba e Giglio hanno come comune denominatore il mare, il clima e molte materie prime, ma la loro storia è frutto di dominazioni e influenze diverse che si rispecchia nella cultura enogastronomica fatta di tratti comuni, ma anche di interessanti variazioni.

Otto serate che invitano i commensali ad un piccolo assaggio delle isole: un viaggio nei sapori che ci faccia immergere nell’atmosfera dell’Arcipelago, pur restando sulla terraferma. Il racconto scaturirà dalla viva voce e dalle mani di ristoratori e produttori.

Ogni cena sarà incentrata su un prodotto locale e su un vino del territorio selezionati da ElbaTaste, il consorzio d’imprese che si occupa di promozione dell’enogastronomia dell’Isola d’Elba e delle Isole dell’Arcipelago Toscano.

Un viaggio enogastronomico non di sola andata, il ritorno è previsto per il periodo che va da aprile ad ottobre quando i cuochi dell’entroterra saranno invitati a ricambiare la visita.

Una formula che piace ai ristoratori e ai clienti perchè consente di ampliare gi orizzonti e di avere scambi che arricchiscono entrambe le parti.

Un gemellaggio all’insegna del gusto organizzato da Vetrina Toscana, il progetto di Regione e Unioncamere Toscana che promuove ristoranti e botteghe che valorizzano i prodotti del territorio, in collaborazione con Confesercenti Provinciale di Livorno e la Camera di Commercio Maremma e Tirreno ed il patrocinio del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano.

Una viaggio nel gusto che ci porterà a scoprire non solo la piacevolezza enogastronomica, ma anche interessanti aspetti dell’economia locale e della cultura materiale dei territori.
Ecco il calendario degli appuntamenti:

Giovedi 25 gennaio il “Retrobottega Falaschi” di San Miniato ospita Luigi Muti del “Vento in Poppa” di Porto Azzurro (Isola d’Elba);

Giovedi 8 febbraio “Il Pesce Briaco” di Lucca ospita Grazia Zerbini del Ristorante dell’Hotel Saracino dell’Isola di Capraia;

Venerdì 16 febbraio il ristorante “Bagoga” di Siena ospita Giacomo Paoli del “Aguglia”dell’ Isola d’Elba;

Giovedì 22 Febbraio “ PS – Ristorante” di Cerreto Guidi ospita Marco Olmetti del “Pepenero”di Portoferraio (Isola d’Elba);

Mercoledì 28 Febbraio “Toscana Fair” di Pistoia ospita Massimo Poli di “Montefabbrello”di Portoferraio (Isola d’Elba);

Sabato 3 marzo il ristorante “La Gondoletta” di Marina di Grosseto ospita Santi Capitani di “Da Santi” dell’Isola di Capraia;

Martedì 6 marzo “Il Capriolo” di Prato ospita Alex Ohorodnic del “Teatro Bistrot”di Portoferraio (Isola d’Elba);

Venerdì 16 marzo l’ Osteria “Il Borro” di San Giustino Valdarno (Arezzo) ospita Fabio Molinari del “Tamata” di Porto Azzurro (Isola d’Elba)

(comunicato stampa)

Nomination per l’hotel Brunelleschi con Luxury Travel Advisor

Lo storico albergo fiorentino fra i candidati per la categoria Top Luxury Boutique Hotel Worldwide. Votazioni aperte fino al 30 marzo

A&P srl – noleggio operativo a medio lungo termine  arredamento e attrezzature (beni strumentali) per hotel e ristoranti – operiamo in tutta Italia

LuxuryTravelAdvisor.com è il sito di riferimento per agenti di viaggio che cercano le ultime news e trend nell’ambito del turismo di lusso: ha giornalisti localizzati in tutto il mondo e da 11 anni consiglia le migliori strutture, compagnie, tour operator, destinazioni e tipologie di viaggi. Ogni anno indice gli Awards of Excellence. Le votazioni per i vincitori del 2017 sono aperte fino al 30 marzo 2018, rivolte esclusivamente ai consulenti di viaggio.
L’Hotel Brunelleschi di Firenze figura nella categoria lusinghiera di Top Luxury Boutique Hotel Worldwide, guadagnatosi sicuramente grazie alla struttura unica che comprende una torre bizantina, una chiesa medievale e resti romani, inglobati in un complesso articolato e di grande charme, valorizzando l’antico con un décor raffinato ed elegante. Completano l’appeal dell’albergo la location centrale ma appartata, la vista panoramica e due ristoranti di cui uno gourmet plurisegnalato nelle guide.

I consulenti di viaggio di lusso hanno tempo fino al 30 marzo per votare le loro preferenze fra le nomination agli Awards of Excellence 2017 di Luxury Travel Advisor. Saranno premiate le performance dell’anno appena concluso. Le nomination sono state stabilite da un Comitato di consulenti di viaggio della rivista che cresce ogni anno in numero ed eterogeneità. Basandosi sull’opinione dei migliori esperti del settore le nomination hanno un grande valore, il livello è altissimo. Le votazioni scandagliano il mondo del turismo di lusso di tutto il mondo a 360 gradi con un totale di 30 categorie di nomination: crociere, compagnie aeree o di noleggio auto, General Manager, tour operator, nuove aperture, ville, alberghi divisi per continenti, stati o città icona oppure per categorie trasversali. Una di queste è la Top Luxury Boutique Hotel Worldwide, nella quale figura l’Hotel Brunelleschi.
https://www.luxurytraveladvisor.com/aspirational/vote-now-2017-awards-excellence-ballot

I vincitori saranno annunciati al Summit ULTRA 2018, che si terrà dal 30 maggio al 1 giugno 2018 all’Eau Palm Beach Resort & Spa a Manalapa in Florida.

L’Hotel Brunelleschi
L’ingresso dell’Hotel Brunelleschi dà su una accogliente piazzetta del centro storico fiorentino, a pochi passi dal Duomo, da Palazzo della Signoria e dalla Galleria degli Uffizi: l’albergo è attorniato dalle vie dello shopping e dai musei più famosi della città. L’Hotel Brunelleschi ingloba nella facciata una torre circolare bizantina del VI secolo e una chiesa medievale, interamente ristrutturate nel rispetto delle caratteristiche originali. All’interno, un museo privato conserva reperti rinvenuti durante il restauro della Torre e un calidarium di origine romana, oggi incastonato nelle fondamenta. L’Hotel Brunelleschi fa parte degli Esercizi Storici Fiorentini. L’albergo è stato rinnovato in uno stile classico contemporaneo estremamente elegante, dove predominano i colori chiari e il grigio della tipica pietra serena.
Dal 2017 la proposta gastronomica dell’albergo è firmata dallo Chef Rocco De Santis.

Il Ristorante Santa Elisabetta è il ristorante gourmet dell’hotel, uno degli indirizzi gastronomici più interessanti su Firenze. È stato segnalato nella Guida Michelin 2018 con il punteggio di 3 forchette e 1 piatto e dalla guida gastronomica de L’Espresso con un cappello.

Situato in una sala intima con solo 7 tavoli al primo piano della torre bizantina facente parte dell’hotel, alla location invidiabile aggiunge un’atmosfera ricercata e una cucina raffinata. È aperto dal martedì al sabato, dalle 19.30 alle 22.30. Ogni venerdì e sabato ospita la rassegna gourmet dei sabati enogastronomici.

La più informale “Osteria della Pagliazza” apre tutti i giorni dalle 12.30 alle 14.30 e dalle 19.30 alle 22.30. Situata al pianterreno dell’hotel, durante la bella stagione ha anche tavoli all’aperto sulla suggestiva piazzetta antistante l’albergo, e propone un menu sfizioso di piatti dichiaratamente a base di ingredienti del territorio.

Hotel Brunelleschi
Via de’ Calzaiuoli – Piazza Santa Elisabetta 3 – 50122 Firenze
Tel. 055/27370 – Fax 055/219653
e-mail info@hotelbrunelleschi.it – Internet www.hotelbrunelleschi.it

A&P srl – noleggio operativo a medio lungo termine  arredamento e attrezzature (beni strumentali) per hotel e ristoranti – operiamo in tutta Italia

(Comunicato stampa)

 

Attrezzature e arredamento per agriturismo: in Umbria cresce il noleggio operativo a scapito della vendita

A Perugia, Assisi e in tante altre località dell’Umbria cresce l’offerta di beni strumentali per agriturismo e bed and breakfast. Per l’arredamento e le attrezzature tanti imprenditori scelgono il noleggio operativo

Arriva il momento di fare degli acquisti per aprire una nuova attività o dare una “rinfrescata” al”arredamento e alle attrezzature.

Nel settore ricettivo “minore”, agriturismi e bed and breakfast, in forte crescita in questi ultimi anni, sempre piu’ spesso si scelgono strade diverse rispetto all’acquisto.

Il noleggio operativo a medio e lungo termine offre in particolare benefici finanziari e fiscali, senza appesantire la situazione finanziaria aziendale. Comodi versamenti mensili per avere la propria struttura in linea con le esigenze dei clienti finali.

L’imprenditore potrà scegliere il fornitore di suo gradimento e la parte amministrativa viene gestita dalla nostra azienda, A&P srl. Ovviamente potrà decidere di farsi fare i mobili e quant’altro su misura da un artigiano.

Operiamo in tutta Italia, in particolare in Umbria, al fianco delle Aziende.

Noleggio operativo attrezzature e arredamento per agriturismi e bed and breakfast. Una conveniente alternativa alla vendita o al leasing.

Conti Correnti: i costi annui aumentano anche a dicembre 2017

Nuovi aumenti per il costo dei conti correnti a dicembre 2017: è quanto rilevato dall’ultima analisi di SosTariffe.it, che ha aggiornato una recente ricerca di ottobre 2017 scoprendo nuovi rincari: ora i conti costano fino al 41% circa in più

Rispetto all’ultima indagine di SosTariffe.it, le novità rilevate da SosTariffe.it a dicembre 2017 in tema di costi dei conti correnti, confermano l’andamento al rialzo dei prezzi medi che vanno sostenuti per l’utilizzo di un conto corrente. Continua dunque il trend negativo per i correntisti italiani, che dal 2017 vedono costantemente lievitare questi costi.

Considerando, infatti, come annualità di riferimento il 2013, primo anno di rilevazione in tema di conti correnti per SosTariffe.it, si riscontra a dicembre 2017 un aumento massimo dei costi del 41%, pari a circa 43 euro in più all’anno. A ottobre 2017 questo incremento si fermava al 35% circa, pari a 36 euro annui.

Anche se questi aumenti di prezzo riguardano, bene o male, tutti i profili di consumo analizzati da SosTariffe.it e tutte le tipologie di conti, il profilo più colpito rimane quello delle famiglie con uso misto del conto corrente (sia online che in filiale). I costi più alti, invece, li sostiene la famiglia che utilizza il conto prettamente attraverso operazioni in filiale: quasi 173 euro l’anno.

Utilizzare un conto veicolato da istituti di credito online è ancora la soluzione più conveniente: anche a dicembre 2017, infatti, utilizzare un conto di una banca online (quelle che non hanno, o quasi, filiali sul territorio) costa in media 23,7 euro. Mentre chi ha un conto in una banca tradizionale (gli istituti con molte filiali sul territorio) può risparmiare utilizzando il conto esclusivamente online: i costi, in media, sono di circa 92,3 euro contro i 114,7 per chi utilizza gli stessi conti esclusivamente in filiale.

(comunicato stampa SosTariffe)

Attrezzature per la ristorazione: A Pistoia meglio il noleggio operativo della vendita

Attrezzature per la ristorazione, vendita o leasing? A Pistoia cresce la richiesta di noleggio operativo. I vantaggi fiscali e finanziari per i beni strumentali del ristorante

Le attrezzature di un ristorante, in particolare quelle della cucina, richiedono un continuo aggiornamento. Nuovi prodotti, legati alle diverse tecniche di cottura e conservazione, in costante evoluzione. Oltre ovviamente alla normale usura dei macchinari e degli utensili.

Ovviamente in caso di nuovi acquisti un occhio di riguardo viene riservato alla facilità di utilizzo e, in particolare, al possibile risparmio energetico.

Abbattitori, piastre a induzione, cottura a bassa temperatura, ma anche congelatori e frigoriferi. Per non parlare di tanto altro, come ad esempio le cappe aspiranti o le lavastoviglie. Ma anche gli impianti di depurazione e filtraggio dell’acqua.

Ovviamente bisogna prestare attenzione all’esborso economico e alle variabili fiscali legate all’operazione.

Ai tradizionali acquisto diretto e leasing cresce, in questo ultimo periodo, la scelta del noleggio operativo a medio lungo termine.

Una operazione che non richiede un immobilizzo immediato del denaro, offre un elevato risparmio fiscale e non aumenta l’esposizione bancaria aziendale.

Sicuramente una soluzione da tenere in considerazione.

A&P srl noleggio operativo beni strumentali – operiamo a Pistoia e in tutta Italia