Pistoia: Bonus ebike e monopattino elettrico. Come richiedere incentivo mobilità. Sconti e rimborsi

Tante richieste di informazioni nei nostri uffici di Pistoia e Sarzana: tutto quello che c’è da sapere sul bonus per ebike e monopattini elettrici. Cosa si può acquistare? Come ottenerlo? Chi può fare domanda? Come funziona il rimborso? Proviamo a rispondere

Bonus mobilità 2020: cosa c’è da sapere
Per rilanciare una mobilità che sia sempre di piu’ sostenibile e ovviamente  sicura,  in questo particolare periodo  di Coronavirus il ministero dell’Ambiente ha lanciato il bonus mobilità. Introdotto con il recente decreto Rilancio, come spesso accade, il bonus ha portato con sé dubbi e domande dubbi e domande sulle modalità di utilizzo.  Proviamo a rispondere.

Che cos’è il Bonus Mobilità 2020?
Introdotto nel recente decreto Rilancio, è un contributo pari al 60% del prezzo di acquisto, comunque non superiore a 500 euro per l’acquisto di biciclette, e-bike, nonché veicoli per la mobilità personale a propulsione prevalentemente elettrica. Ci rientrano monopattini, hoverboard e segway, ma anche  l’utilizzo di servizi di mobilità condivisa a uso individuale esclusi quelli mediante autovetture.

Come si ottiene il rimborso?
L’erogazione del bonus prevederà due fasi distinte: nella prima il cittadino verrà rimborsato del 60% della spesa, tramite domanda on line. Nella seconda, in definizione come tempistica, il cittadino pagherà solo il 40% al negoziante che, a sua volta verrà rimborsato dallo stato del restante 60%.

Le modalità tecniche del rimborso.
Per ottenere il bonus occorrerà utilizzare una specifica applicazione web, accessibile dal sito del Ministero dell’Ambiente. Occorrerà essere in possesso delle proprie credenziali SPID (quelle, per intenderci, che servono per accedere al sito dell’agenzia delle Entrate). Al momento questa app è ancora in fase di realizzazione e per questo ci sono due diverse operatività:
1) Dal 4 maggio fino al giorno diella operatività dell’app è previsto che chi acquisterà un mezzo “incentivato” verrà rimborsato successivamente. Per ottenere il rimborso bisognerà conservare la fattura e allegarla alla richiesta di bonus.
2) Quando finalmente l’app sarà attiva è previsto lo sconto diretto da parte del venditore, con una modalità ben precisa. Gli acquirenti dovranno  ottenere tramite l’applicazione web un voucher da spendere nei negozi (fisici e online). Voucher da stampare prima  di recarsi in negozio il buono e consegnarlo al negoziante.

Chi potrò usufruire del bonus?
Tra i beneficiari del bonus mobilità rientrano tutti i maggiorenni che hanno la residenza (non basta il domicilio) nei capoluoghi di regione (anche con meno di 50.000 abitanti), nei capoluoghi di provincia (anche sotto i 50.000 abitanti), nei comuni delle città metropolitane (anche sotto i 50.000 abitanti) e in tutti i comuni che abbiano una popolazione superiore a 50.000 abitanti. I comuni delle città metropolitane sono 14: Bari, Bologna, Cagliari, Catania, Firenze, Genova, Messina, Milano, Napoli, Palermo, Reggio Calabria, Roma Capitale, Torino, Venezia. L’elenco dei Comuni appartenenti alle suddette Città metropolitane è consultabile sui siti istituzionali.

Cosa si potrà acquistare con il bonus mobilità?
Come dicevamo, si potrà usufruire del bonus per l’acquisto di biciclette, ebike, nonché veicoli per la mobilità personale a propulsione prevalentemente elettrica. Quindi anche  (monopattini, hoverboard e segway) o per l’utilizzo di servizi di mobilità condivisa a uso individuale esclusi quelli mediante autovetture. I mezzi potranno essere nuovi o usati. Mentre non è previsto l’uso del bonus per l’acquisto di parti diverse dai mezzi in questione. Quindi, lucchetti, abbigliamento tecnico e simili sono esclusi.

Si potrà comprare ovunque? Anche sul web?
Anche in questo caso due fasi legate  alla data di attivazione dell’app sul sito del ministero. Prima di tale operatività si potrà comprare ovunque, con l’accortezza di conservare la fattura. Stesso discorso vale per le piattaforme di ecommerce italiane o straniere. In questo ultimo caso sarà necessario ottenere una fattura che contenga tutte le voci presenti nella fattura italiana. Quando ci sarà l’app, invece, verrà pubblicato anche un elenco di negozi, fisici e online, che aderiranno all’iniziativa e si potrà comprare solo presso di loro.

Serve la fattura o basta lo scontrino?
Serve tassativamente la fattura, sarà l’unico documento in grado di certificare con esattezza la tipologia di bene acquistato.

Quanto sarà la validità del buono?
Una volta generato, il bonus mobilità ha durata di 30 giorni, poi decadrà e verrà annullato.

Si potrà usare il buono 2020 e in seguito quello già previsto del 2021?
Tra questi due buoni c’è una differenza sostanziale: quello del 2020 si può ottenere senza rottamare un vecchio mezzo, quello del 2021, invece, prevede la rottamazione del vecchio mezzo. Il primo scadrà il 31 dicembre del 2020, l’altro entrerà in vigore il giorno dopo e avrà una durata di tre anni (si potrà usare entro il 31/12/2024). Venendo alla domanda: sì, si potranno utilizzare entrambi i buoni. I termini per l’ottenimento, però, verranno resi noti con un successivo decreto ministeriale.

 

A&P srl - noleggio operativo beni strumentali per Aziende soluzioni illuminazione LED e risparmio energetico per Privati PISTOIA - via Attilio Frosini 24 - telefono 0573.21342 PONSACCO (PI) - Via Nazario Sauro, 5 - telefono 0587.980706 numero verde 800831814 mail info@aeppistoia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *